Logo Equivita
 
Sperimentazione animale Chi siamo

Attività

Campagne Pubblicazioni
  home > sperimentazione animale
 

SPERIMENTAZIONE ANIMALE

Per approfondire | Lettere ai giornali | Metodi alternativi| Didattica| Archivio newsletter | Atti normativi

 

RACCOMANDAZIONE URGENTE  PER LA TUTELA DELLA SALUTE DEI CITTADINI EUROPEI

03/05/06

Considerando che:

1) Negli ultimi mesi le più accreditate riviste scientifiche, tra le quali “Nature” (10/11/05), hanno pubblicato editoriali e articoli che condannano la validità scientifica del metodo di sperimentazione animale nella ricerca medica o tossicologica. Thomas Hartung, direttore dell’ECVAM (Centro Europeo per la Validazione dei Metodi Alternativi) definisce tale metodo “cattiva scienza” perché non predittiva per l’uomo.

2) Lo stesso Hartung, in una intervista pubblicata da “Nature”, sostiene che il progetto REACH, nella misura in cui userà metodi di ricerca nuovi, diversi dalla sperimentazione animale, che abbiano reale predittività per l’uomo, costituisce “una opportunità per far diventare la tossicologia finalmente una scienza rispettabile”!

3) La credibilità della sperimentazione animale è dunque crollata e gli ambienti più ufficiali della scienza si schierano con gli scienziati che, sostenuti dai Verdi, si sono sempre oppost, aldilà delle ragioni etiche, per ragioni puramente scientifiche all’uso dell’animale da laboratorio, dimostrando che esso è il più delle volte uno strumento in mano ai produttori per ottenere i risultati preferiti (variando la specie animale dell’esperimento) e per aggirare la responsabilità civile nei casi di danni da sostanze chimiche.

4) L’incidente avvenuto ai 6 ragazzi usati come cavie a Londra è stato un’ulteriore  prova che l’animale da laboratorio non tutela la salute umana. Ma lo sono anche i continui scandali farmacologici (Vioxx, Lipobay, ecc) e le statistiche che danno, nei paesi industrializzati, le malattie iatrogene (causate dai farmaci) come 4° causa di morte.

Considerando inoltre che:

1) La Commissione Europea ha avviato, all’inizio del 2003, il progetto REACH per la regolamentazione, nell’ambiente, delle sostanze chimiche, il cui danno, in particolare sulla salute umana, è stato unanimemente riconosciuto.

2) Dopo 3 anni di acceso dibattito, il progetto REACH - che prevede la valutazione di tossicità di molte migliaia di sostanze già commercializzate, e che coinvolge importanti settori di attività, come le industrie chimiche, la sanità, la tutela dell’ambiente e dei diritti umani, ecc, - è giunto, il 17/11/05, al voto in prima lettura al Parlamento Europeo, mentre la posizione del Consiglio dei Ministri è stata pubblicata il 9/3/06 e il voto in seconda lettura in Parlamento è previsto entro poco.

3) Nella bozza approvata in prima lettura in Parlamento non è stata accolta la richiesta dei Verdi di una verifica della validità scientifica delle prove di tossicità fatte su modello animale (che viene oggi richiesta da numerosi scienziati).

4) Nel testo approvato dal Parlamento in prima lettura è stata tuttavia inserita l’indicazione della tossicogenomica quale metodo di indagine tossicologica da utilizzare in alternativa alla sperimentazione animale. La tossicogenomica studia le reazioni del genoma della cellula umana: la sua predittività per l’uomo è altissima, ed essa è oggi è in grande diffusione in tutti i continenti, anche negli USA (in particolare presso l’FDA e l’EPA, principali organismi di controllo).

Considerato tutto ciò: 

L’Assemblea dei Verdi Europei impegna il

Partito Verde Europeo ad attivarsi affinché:

 

  • Non venga messa a rischio la credibilità di REACH legando la sua applicazione ad un metodo di indagine e di valutazione di tossicità ormai screditato e considerato fallace.
  • Vengano usati tutti gli strumenti disponibili affinché REACH, che tante risorse impegnerà nei prossimi anni, tenga la ricerca europea al passo con il nuovo pensiero scientifico che rapidamente si va diffondendo.
  • REACH non comprometta la salute dei cittadini europei vincolando i test di tossicità al vecchio metodo di sperimentazione su modello animale e sbarrando la strada all’adozione dei nuovi metodi, che le vaste nuove conoscenze scientifiche, specialmente nel campo della genetica, ci consentono di adottare.
  • I legislatori tengano presente che la tossicogenomica, non solo fornisce dati scientificamente validi e dunque utili a tutelare la salute umana, ma consente al progetto REACH di trasformarsi in una procedura attuabile, riducendo i tempi ed i costi di circa 100 volte.
  • I legislatori tengano presente che con la sperimentazione animale tempi e costi raggiungono valori irreali (20 o 30 anni di tempo per testare ciò che oggi è già in commercio e che non lo sarà più tra 20 anni)
  • I legislatori reintroducano quanto meno (se altro non è possibile proceduralmente) l’art. 12, par. 1, nella stesura votata in prima lettura, in cui vi è il riferimento alla tossicogenomica:
  • “Le informazioni relative alle proprietà intrinseche delle sostanze possono essere acquisite con mezzi diversi dalle prove (nella versione francese “su vertebrati”) in particolare usando modelli di relazioni qualitative e quantitative struttura-attività, o dati relativi a sostanze strutturalmente affini- purchè siano soddisfatte le condizioni di cui all’allegato IX - oppure con la tossicogenomica.”

 

Roma: Comitato Scientifico EQUIVITA

Parigi: Comité Scientifique ANTIDOTE-EUROPE

 

Se approvi quanto scritto nella Raccomandazione

Firma l'appello all'On. Sacconi per eliminare l'uso della Sperimentazione Animale nel Regolamento REACH.

Leggi e firma l'appello

 

 
Raccolta fondi
Sostieni la nostra attività con una donazione. Qualsiasi aiuto, anche il più piccolo, può fare la differenza!
Invia il tuo contributo
Newsletter
Clicca qui per iscriverti
e ricevere direttamente nella tua mail le notizie sulla Sperimentazione Animale e sulle Manipolazioni genetiche, provenienti da tutto il mondo.
Per aderire
Clicca qui
se sei un laureato in Scienze Biomediche e vuoi far parte del nostro Comitato Scientifico.
Offerta straordinaria

Offerta straordinariaCon un contributo di almeno 50 euro, in omaggio una stampa a tiratura limitata di
FULCO PRATESI.

Notiziari

Se siete interessati alla attività svolta da EQUIVITA durante l'anno,
leggete i nostri Notiziari

  Sito ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiori - Risoluzione 800 x 600 - Hosting by www.itaweb.it Designed by Studio Graffiti