Logo Equivita
 
sperimentazione animale chi siamo attività campagne pubblicazioni
  home > sperimentazione animale > per approfondire
 
SPERIMENTAZIONE ANIMALE
Per approfondire | Lettere ai giornali | Metodi alternativi| Didattica| Archivio newsletter | Atti normativi
 

L'INDUSTRIA DELL'INGANNO

Pietro Croce

Ogni messaggio nuovo prima di essere accettato deve essere capito. Ma la principale difficoltà dell'antivivisezionismo scientifico è di far capire che si può essere antivivisezionisti senza essere zoofili e che, in qualche caso, un civile rispetto verso gli animali e perfino amore, si sviluppano come conseguenza e non come causa di un convincimento, l'antivivisezionismo, che non fa perno sul sentimento ma sulla ragione.
Ai vivisezionisti l'equivoco fa comodo, poiché continua a rendere credibile l'antico ricatto "preferisci veder morire un TOPO o un bambino?" Ma ahimè, per loro, la gente ha imparato a schivare trappole dialettiche così grossolane. E così il ricatto si è fatto più "à la page", più sottile e raffinato: "preferisci veder morire un TOPO TRANSGENICO o un bambino?".
Non si tratta di una innocente, per quanto furbesca provocazione. A suo sostegno c'è un meccanismo pubblicitario ed economico di peso ed estensione difficilmente immaginabili, una vera e propria "industria dell'inganno". Un inganno che non è soltanto scientifico, visto che dovunque nel mondo, ma più clamorosamente nell'Italia di oggi, ha assunto i connotati di una truffa, e non puramente ideologica.
Qui dobbiamo aprire una parentesi con una domanda per niente affatto marginale e retorica: "chi ha fornito agli interessati i protocolli sperimentali necessari a conferire una parvenza di legalità al loro insaziabile affarismo? e a quale prezzo?" Non sappiamo quali e quanti attestati "scientifici" abbiano permesso di commercializzare farmaci troppo spesso inutili o dannosi:
1. perché sperimentati sulla falsariga di un errore metodologico di base, su un modello falsificante, l'animale;
2. perché pseudogarantiti da una verifica attuale sull'unico modello sperimentale attendibile, l'UOMO, però con la pregiudiziale di adeguarsi ai requisiti voluti dei commissionanti, anche a costo di imbrogliare.
La novità "animali transgenici" ripete sotto una veste rinnovata quella, ampiamente sconfessata dai fatti, degli "animali axenici" (privi di batteri), di mezzo secolo fa. Stessi entusiasmi sinceri o interessati, stesso arrembaggio al nuovo business, stesse speranze o delusioni delle vittime, i malati. Ciò che, allora come oggi, resta perversamente radicato nella realtà, è il fatto che, non importa quale sia la "cavia", intatta o variamente manipolata, axenica o transgenica, senza marchio di origine o brevettata, che viene usata come modello sperimentale della realtà umana, la vera, esterna, immancabile "cavia", la vera vittima di un sistema putrefatto, è ancora e sempre l'UOMO.

 

 

 


 
Raccolta fondi
Sostieni la nostra attività con una piccola donazione! Qualsiasi aiuto, anche il più piccolo, può fare la differenza
Invia il tuo contributo
Newsletter
Clicca qui per iscriverti
e ricevere direttamente nella tua mail le notizie sulla Sperimentazione Animale e sulle Manipolazioni genetiche, provenienti da tutto il mondo.
  Sito ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiori - Risoluzione 800 x 600 Designed by Studio Graffiti