Logo Equivita
 
sperimentazione animale chi siamo attività campagne pubblicazioni
  home > sperimentazione animale > lettere ai giornali
 
SPERIMENTAZIONE ANIMALE
Per approfondire | Lettere ai giornali | Metodi alternativi| Didattica| Archivio newsletter | Atti normativi
 

Lettera a Repubblica Salute pubblicata il 15/06/06

BIOINFORMATICA, NIENTE VIVISEZIONE

A parte ogni considerazione sull'etica del rispetto di tutti gli esseri senzienti, sarebbe ragionevole accantonare una volta per tutte la sperimentazione animale? la risposta è sì, per migliorare la qualità della ricerca biomedica e nell'interesse della salute dei cittadini. In effetti parlare di metodi "alternativi" sarebbe giustificato solo se noi avessimo già dei metodi solidi e affidabili che, per qualche ragione (economica o di altro tipo), volessimo sostituire con altri. Così non è. Infatti i test vivisezionisti attualmente in uso non sono mai stati dimostrati validi secondo le usuali procedure scientifiche. Il solo criterio adeguato per validare un test tossicologico è verificare se è in grado di prevedere la tossicità di sostanze o agenti di cui si conosce già la tossicità, per l'esperienza precedente.

In generale il solo argomento a favore della sperimentazione animale è che ogni metodo che non usi un "organismo intero" non può dare risultati affidabili su un altro "organismo intero". La parte valida di questo argomento è che i metodi in vitro danno indicazioni parziali qualora impieghino solo un tipo di coltura cellulare umana. Ma i metodi attualmente disponibili permettono la simulazione su microcircuiti integrati del passaggio e conseguente metabolismo di una sostanza attraverso i vari tipi di cellule che essa incontra nell'organismo umano o animale, nella veterinaria), e la rilevazione degli effetti della sostanza stessa su centinaia o anche migliaia di geni diversi (se cioè ne stimola o inibisce l'espressione).

Questi metodi permettono una vera modellizzazione scientifica della complessità del corpo umano. I nuovi metodi della tossicogenomica e della bioinformatica non solo sono più affidabili e riproducibili, ma richiedono tempi più brevi (da ore a qualche giorno), invece dei mesi o anni necessari alla vivisezione e costano cento volte meno.

Marco Mamone Capria

Dip. Matematica, Università di Perugia

Membro del Comitato Scientifico EQUIVITA


 

 

 
Raccolta fondi
Sostieni la nostra attività con una piccola donazione! Qualsiasi aiuto, anche il più piccolo, può fare la differenza
Invia il tuo contributo
Newsletter
Clicca qui per iscriverti
e ricevere direttamente nella tua mail le notizie sulla Sperimentazione Animale e sulle Manipolazioni genetiche, provenienti da tutto il mondo.
  Sito ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiori - Risoluzione 800 x 600 Designed by Studio Graffiti