Logo Equivita
 
sperimentazione animale chi siamo attività campagne pubblicazioni
  home > attività
 

ATTIVITA'

 

Gianni Tamino
(docente di biologia dell'Università di Padova ed ex membro del Parlamento Italiano ed Europeo)
WORLD SOCIAL FORUM - Porto Alegre 2003

All'origine del moderno pensiero scientifico vi è l'ipotesi si possano indagare e conoscere solo fenomeni percepibili con i nostri sensi, ottenendo dati sperimentali misurabili e trasformabili in relazioni matematiche, che divengono leggi scientifiche. In tal modo sono state ottenute le leggi fisiche della meccanica, cioè di fenomeni lineari, facilmente riproducibili e dunque prevedibili. Ma si è, poi, creduto che tutti i fenomeni naturali siano spiegabili con leggi matematiche, sempre vere, arrivando a definirle verità scientifiche. In realtà le conoscenze scientifiche sono sempre suscettibili di verifica e di miglioramento e dunque più che verità assolute, come lo sono solo le rivelazioni (e quindi atti di fede), sono parziali verità, sempre confutabili. Ma le prime scoperte e conoscenze scientifiche vanno collegate all'evoluzione sociale del '700, che, attraverso verso la rivoluzione industriale, trasformerà l'approccio scientifico utilizzato per lo studio della meccanica in un'ideologia. A partire da queste prime leggi della meccanica, e poi della termodinamica, si cercò di spiegare, con lo stesso metodo, ogni sorta di fenomeno naturale, compresi i complessi fenomeni biologici, cercando di scomporre, di ridurre i fenomeni complessi in singoli fenomeni più semplici, meccanici. Si arriva così al meccanicismo e al riduzionismo, che ben presto, da metodo per conoscere aspetti semplificati di complicati processi, diviene un'ideologia, per cui anche gli organismi viventi sono equiparati a macchine, tutte uguali tra loro. Le conseguenze, ideologiche e non scientifiche, di una simile equiparazione degli esseri viventi alle macchine sono anzitutto il tentativo di estendere il sistema di produzione industriale in serie anche all'agricoltura e all'allevamento, riducendo drasticamente la biodiversità e utilizzando prodotti chimici, fonti energetiche fossili e manipolazioni genetiche (OGM).
Si assiste in tal modo ad un rovesciamento della logica delle cose: anziché metodologicamente semplificare le cose, per conoscerle, si applicano le parziali conoscenze alla realtà, semplificandola.
Cosi piante e animali sono trattati come macchine e i cicli produttivi naturali sono sconvolti, fino a divenire processi lineari, come quelli industriali. Ma se gli organismi viventi sono equiparati a macchine, possono essere modificati per semplice aggiunta o eliminazione di un elemento o di un gene. Ed anche gli esseri umani sono equiparabili a macchine e quindi studiando l'animale-macchina, vivisezionandolo, si pensa di poter capire il funzionamento della "macchina-uomo": non c'è da stupirsi se poi l'attuale medicina ritiene di curare l'uomo con la semplice sostituzione delle parti non più funzionanti e se le strutture sanitarie privilegiano la cura rispetto alla prevenzione delle malattie, che, tra l'altro, traggono sempre più origine dalla trasformazione-semplificazione meccanica della realtà in cui viviamo.
Questo modello sociale meccanicistico-riduzionista favorisce in tal modo i profitti delle multinazionali che producono e vendono prodotti chimici e farmaceutici, ma anche fitofarmaci e OGM, funzionali a questa trasformazione della società in cui viviamo.
Infine, quest'approccio riduzionista porta all'illusione che, conoscendo i vari parametri semplificati di un processo complesso, sia possibile prevederne in modo esatto l'evoluzione, sottintendendo che tutti i processi naturali sono determinabili e determinati.
Ma così un'ideologia deterministica ha implicita la negazione della libertà individuale e favorisce scelte eugenetiche, attraverso metodi di manipolazione genetica e di clonazione anche degli esseri umani.
Pertanto superare l'attuale modello di società riduzionista e determinista è la condizione per riprenderci la libertà di decidere autonomamente, come esseri pensanti e non essere trattati come ingranaggi predeterminati di una macchina.

 
Raccolta fondi
Sostieni la nostra attività con una piccola donazione! Qualsiasi aiuto, anche il più piccolo, può fare la differenza
Invia il tuo contributo
Newsletter
Clicca qui per iscriverti
e ricevere direttamente nella tua mail le notizie sulla Sperimentazione Animale e sulle Manipolazioni genetiche, provenienti da tutto il mondo.
  Sito ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiori - Risoluzione 800 x 600 Designed by Studio Graffiti