Logo Equivita
 
sperimentazione animale chi siamo attività campagne pubblicazioni
  home > attività
 

ATTIVITA'

 

Claude Reiss
(tossicologo molecolare, direttore del Comitato Scientifico Pro Anima)
WORLD SOCIAL FORUM - Porto Alegre 2003

La morbilità, che indica il numero delle persone che sono malate ad un determinato momento, aumenta ogni anno in modo considerevole. L'aumento annuo è del 2%. Attualmente si hanno, ad esempio, un milione e mezzo di persone che ogni anno si ammalano di cancro. E ve ne sono un milione che muoiono ogni anno di cancro. Nella fascia di età che va dai 35 ai 65 anni, la prima causa di mortalità è il cancro. Vi sono due problemi di fondo: quello della prevenzione e quello delle terapie. La prevenzione è, chiaramente, molto carente, essendovi questo aumento delle persone che si ammalano ogni anno abbiamo dunque nel nostro ambiente un certo numero di fattori che sono stimolatori del cancro, o cancerogeni. Abbiamo contatto con 1OO.OOO prodotti chimici fatti da mano d'uomo, che sono intorno a noi, che troviamo nei nostri piatti e che respiriamo. Molti agenti possono essere cancerogeni. Nelle cifre ufficiali che vengono pubblicate, in particolare dalla Commissione Europea, meno del 2% dei 100.000 prodotti chimici con i quali entriamo in contatto sono stati verificati per la loro cancerogenicità o la loro tossicità generale. E per giunta le prove sono state fatte su topi, o ratti, o roditori in generale.
Questa idea che l'animale possa servire come modello biologico per l'uomo è un'idea che, naturalmente, fa molto comodo alle industrie ed ai responsabili politici, ma che in realtà è priva di qualsiasi validità. La nostra biologia, infatti, è molto particolare ed ogni specie ha una biologia molto particolare. La dimostrazione di ciò è molto semplice. Una specie si definisce proprio con il suo isolamento riproduttivo. Ciò significa che gli individui di una specie non possono incrociarsi con quelli di un'altra specie. Ciò è dovuto al fatto che le loro caratteristiche genetiche, ovvero il loro genoma, sono particolari per ogni specie. E occorre ricordare che le caratteristiche genetiche determinano l'insieme del comportamento biologico dell'individuo, che è specifico dell'individuo. Di conseguenza si ha, con rigore matematico, la dimostrazione del fatto che nessuna specie può essere modello biologico di un'altra specie: prendere dei roditori, o dei cani, o dei gatti, o delle scimmie, quali modelli biologici per l'uomo è cosa totalmente priva di senso, totalmente antiscientifica. E' un controsenso totale. Che tuttavia può recare grandi vantaggi. Vi faccio un esempio molto semplice. Io sono biologo e voi siete produttori di un prodotto X, che potrebbe essere un poco cancerogeno. Me lo date (sono io il vostro tossicologo) e sperimenterò questo prodotto su di un ceppo di topi che sono assai poco soggetti ai tumori. Su di un centinaio di individui, nei 90 giorni di durata dell'esperimento, soltanto due o tre svilupperanno un tumore. Si potrà dire che il prodotto può essere commercializzato. Se avete un concorrente che fa esattamente lo stesso vostro prodotto e se voi mi dite "vorrei che questo prodotto venisse dichiarato dannoso per la salute, molto cancerogeno", io selezionerò un altro ceppo di topi, questa volta molto soggetti ai tumori. Nei 90 giorni svilupperanno dei tumori il 90 o 95% degli individui. Se, in aggiunta a ciò, io nutrirò molto male i topi soggetti ai tumori e molto bene quelli poco soggetti, avrò guadagnato un 10% in più. In altre parole, la scelta del ceppo di topi o di ratti e la scelta della loro dieta possono determinare un risultato o il suo opposto. Per l'azienda produttrice è un grandissimo vantaggio avere l'obbligo legale di verificare se il proprio prodotto è o non è cancerogeno.
Questo è particolarmente vero per quanto riguarda i farmaci. Voi sapete che per un medicinale passano in media da 6 ad 8 anni dal momento della scoperta della molecola al momento in cui il medicinale può essere commercializzato. Durante questi anni la molecola viene generalmente testata su centinaia di migliaia di roditori, ma anche su cani, gatti, scimmie, ecc. Alla fine il farmaco messo sul mercato viene considerato:

1) Molto efficace a livello medico 2) Non tossico o molto poco tossico per l'uomo.
Il Ministro francese della sanità ha dichiarato che ogni anno 20.000 persone muoiono in Francia a causa degli effetti secondari dei farmaci. La Francia è un sesto della popolazione europea, si può dunque dire che circa 120.000 persone muoiono ogni anno in Europa a causa dei farmaci e va anche aggiunto che la statistica si basa sulle persone che muoiono qualche giorno dopo avere assunto il farmaco, senza tenere neanche in considerazione tutte quelle che muoiono successivamente, a causa degli effetti a lungo termine dei farmaci.
Vi sono in Francia 1, 3 milione di persone che ogni anno si ritrovano in ospedale a causa degli effetti secondari dei farmaci. Vedete dunque che affidarsi al modello animale per valutare i rischi tossici ed in particolare i rischi di cancerogenicità per l'uomo è un metodo del tutto privo di basi scientifiche. Di fatto, si gioca alla roulette russa con la nostra salute quando si accetta che i prodotti destinati al nostro consumo, in particolare i farmaci, siano testati sugli animali. Da dieci anni lavoriamo strenuamente per mettere a punto dei metodi nuovi, scientifici, per la valutazione dei rischi tossici abbiamo adesso una batteria di metodi che ci permettono di valutare in maniera molto sicura la tossicità dei prodotti per noi umani fino ad ora non siamo stati ascoltati. Siamo dunque stati al supermercato più vicino ed abbiamo acquistato un centinaio di prodotti alimentari e per la casa, e li abbiamo sottoposti a questi test. Abbiamo scoperto che su 100 prodotti 60 sono mutageni (in grado di indurre mutazioni genetiche). Siamo dunque costantemente esposti a molti prodotti che, a lungo termine, ci possono nuocere.
Penso dunque che l'evoluzione molto negativa della morbilità del cancro in Europa sia la conseguenza della mancata verifica della tossicità e della cancerogenicità dei prodotti. Riteniamo che queste verifiche dovrebbero essere fatte e beninteso senza prove sugli animali.

 
Raccolta fondi
Sostieni la nostra attività con una piccola donazione! Qualsiasi aiuto, anche il più piccolo, può fare la differenza
Invia il tuo contributo
Newsletter
Clicca qui per iscriverti
e ricevere direttamente nella tua mail le notizie sulla Sperimentazione Animale e sulle Manipolazioni genetiche, provenienti da tutto il mondo.
  Sito ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiori - Risoluzione 800 x 600 Designed by Studio Graffiti