Se vuoi sostenerci vai alla sezione

http://www.equivita.it/index.php/it/comesostenerci <http://www.equivita.it/index.php/it/comesostenerci> del nostro sito

Per continuare la nostra battaglia abbiamo bisogno di te
 ANCHE UNA PICCOLA DONAZIONE PUO’ FARE LA DIFFERENZA

 

Newsletter biotecnologie e loro diffusione nel Mondo
Novembre- Dicembre 2012

29/10/2012
Il Kazakistan proibisce le importazioni di granturco NK603 OGM
Fonte: Tengri News, Kazakistan
Il Kazakistan ha proibito le importazioni di granturco OGM NK603: la commissione di controllo sanitario ed epidemiologico ha preso la decisione dopo che anche la Russia lo ha vietato.
Numerosi test effettuati sul cibo hanno contribuito al bando di queste colture

31/10/2012
Ricerca pubblica sugli alberi OGM va in fumo.
Fonte: Fresh Plaza, The Netherlands – Genetic Rights Foundation, Italy.
Centinaia di piante OGM sono state bruciate davanti a studenti e docenti dell’Università della Tuscia, i quali ne avevano curato la crescita.
Nonostante le proteste dei professori, la presenza di questi alberi OGM era pericolosa per la possibile contaminazione di ciliegi e ulivi naturali, oltre che di altre specie presenti nel territorio.
Resta comunque la possibilità che gli uccelli e piccoli animali abbiano trasportato i semi geneticamente modificati nella zona circostante.
La sospensione del progetto di studio di piante OGM è un grande risultato per la prevenzione delle specie naturali autoctone del territorio considerato.

31/10/12
Trovato il diserbante Glifosato nelle urine di persone ed animali in Germania.
Fonte: Ithaka-journal.net
E’ stato rilevato che nelle urine di alcuni abitanti di città tedesche sono presenti concentrazioni di Glifosato, il diserbante della Monsanto.
Dati alla mano, i valori erano da 5 a 20 volte superiori ai limiti, fattore incredibile per il pericolo che corrono queste persone.
Simili riscontri sono stati trovati anche negli animali della zona.
Sarebbe utile farsi sentire e prevenire i danni spesso mortali dovuti a pesticidi, diossine ed OGM.

11/2012
Il diserbante Roundup uccide le cellule umane.
Fonte: Scientific American, USA
Il Roundup, erbicida usato in parchi, giardini e fattorie, contiene un ingrediente che distrugge le cellule umane, in particolare quelle dell’embrione, della placenta e del cordone ombelicale.
Recenti ricerche hanno dimostrato che il disseccante della Monsanto è pericolosissimo per l’uomo in quanto il polyethoxylated tallow amine(non trovo traduzione in italiano), uno degli ingredienti, colpisce senza pietà le cellule umane; inoltre è sconvolta la produzione ormonale delle donne incinte con la possibilità di avere feti malati.
I Paesi dovrebbero quindi proibire il Roundup boicottando questa multinazionale senza scrupoli.

01/11/2012
Le piantagioni illegali di barbabietola da zucchero  provocano  iniziative contro gli OGM in Oregon. Fonte: The Organic & Non- GMO Report, USA.
Una compagnia biotecnologica ha violato i requisiti del Ministero dell’Agricoltura nelle colture di barbabietola da zucchero OGM presenti nella contea di Jackson in Oregon.
I residenti ora chiedono di bandire gli OGM nella contea, anche per proteggere le colture naturali.
La compagnia Syngenta non ha rispettato la distanza di 4 miglia da altre colture imposta agli OGM e molti contadini ora sono disperati: alcuni hanno dovuto distruggere intere coltivazioni perché contaminate.
Sono già state raccolte le 4662 firme necessarie per farsi ascoltare nelle sedi legali.
In caso di esito positivo della disputa, la contea sarebbe la terza negli USA a bandire gli OGM.

01/11/2012
I contadini si adoperano per far proibire le colture OGM.
Fonte: Consortium of Indian Farmers‚ Associations & Federation of
Independent  Farmers‚ Associations, Both I (CIFA & FIFA).
I contadini indiani hanno lanciato una petizione per opporsi alla concessione della moratoria di 10 anni sull’uso degli OGM.
Si teme per i danni che questi possono causare a persone ed animali: il Consorzio dei contadini afferma che non si può mettere a rischio la popolazione dandole cibo insicuro.
L’eventuale stop per gli OGM, porterebbe alla chiusura di 300 progetti in India, a vantaggio della sicurezza alimentare nazionale.
Un Paese così grande libero dagli OGM sarebbe un grande passo avanti nella lotta alle modifiche genetiche.

01/11/2012
Armenia libera dagli OGM.
Fonte: Aysor, Armenia.
Il ministro dell’ambiente armeno ha presentato un progetto riguardante la proibizione dell’utilizzo e della produzione dei prodotti OGM che è stato approvato dal governo.
Ora nella Repubblica Armena si può far uso di organismi geneticamente modificati solo per scopi sperimentali nei laboratori.
Il primo ministro Tigran Sargsyan ha affermato che il progetto è stato realizzato in cooperazione con le organizzazioni non governative e si è arrivati all’accettazione di esso dopo aver consultato anche la popolazione.

09/11/2012
Gruppi di scienziati e di contadini scrivono alla Corte Suprema riguardo il rapporto tecnico sulle colture OGM
Fonte: The Hindu, India – Coalition for a GM-Free India, India.
Circa cento scienziati coadiuvati da alcuni contadini si sono appellati alla Corte Suprema per far accettare il rapporto della commissione di esperti tecnici in materia di coltivazioni sperimentali OGM.

12/11/2012
Uno studio dimostra che l’approvazione del Roundup da parte dell’Unione Europea è basata su una scienza “sbagliata”.
Fonte: Farming, UK – Earth open source, UK.
Uno studio ha dimostrato l’errore dell’UE nell’approvare il Glifosato, ingrediente principale del Roundup, erbicida della Monsanto.
La ricerca del “Journal of Environmental and Analytical Toxicology” dimostra che il Glifosato provoca difetti di nascita negli animali da laboratorio; si parla anche di un effetto cancerogeno.

14/11/2012
Imposte restrizioni sugli OGM.
Fonte: The Argentina Independent, Argentina – SciDev.net, UK
Il ministro dell’ambiente peruviano ha annunciato che il governo ha approvato una moratoria di dieci anni sulla produzione e importazione di OGM.
Ora il Perù avrà il tempo per curare la biodiversità e sfruttare al meglio le proprie risorse naturali, quali le colture e i prodotti autoctoni peruviani.

19/11/2012
Attivisti di Greenpeace ottengono una sospensione condizionale della pena dopo aver distrutto una coltivazione OGM
Fonte: Australian Broadcasting corporation, Australia – Canberra Times, Australia.
Alcuni attivisti hanno ottenuto una sospensione condizionale della pena di nove mesi dopo aver distrutto un campo di grano OGM a Canberra.
Essi ritenevano che questi prodotti OGM venissero utilizzati in maniera pericolosa per l’uomo e perciò hanno compiuto questo gesto, violando la legge per un motivo nobile.
Greenpeace condanna le azioni illegali ma ha assicurato agli attivisti il massimo supporto, e l’intenzione di continuare la lotta agli organismi geneticamente modificati come parte del suo programma di azione.

19/11/2012
La Monsanto non deve espandersi grazie ai soldi pubblici.
Fonte: CEE Bankwatch Network, Czech Republic
La Monsanto è pronta a ricevere 40 milioni di dollari di finanziamento pubblico dagli USA, supportato dalla Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo.
E’incredibile che denaro proveniente dalle nostre tasche finanzi una multinazionale senza scrupoli, allo scopo di continuare a produrre colture OGM, dannose per la salute umana.
Secondo Greenpeace in Svizzera(dove sono illegali) sono state trovate tracce di OGM e in Ungheria sono stati distrutti 9000 ettari di granturco per via della penetrazione di semi OGM.
Sarebbe opportuno che la Banca Europea si rendesse conto del danno che ha fatto, finanziando questa ambigua corporazione.

04/12/12
Il pesce a crescita rapida non può finire nel tuo piatto.
Fonte: The Associated Press, USA.
Il salmone OGM che cresce al doppio della velocità normale, potrebbe essere presto una costante nei nostri piatti: la compagnia americana Aquabounty ha creato questi pesci geneticamente modificati e sta progettando la vendita nel mondo.
I salmoni OGM sono pericolosi per la biodiversità: se un esemplare scappasse e si accoppiasse con un salmone naturale, sarebbe a rischio l’intero ecosistema.
Se l’azienda riuscirà ad ottenere tutti i permessi, i nuovi salmoni saranno sulle nostre tavole già nel 2013.
Forse bisognerebbe riflettere maggiormente sull’impatto che il cosiddetto AquAdvantage Salmon avrebbe sulla salute umana e sulla natura e non pensare esclusivamente ai guadagni derivanti dalla sua vendita.

07/12/2012
La Cina licenzia i funzionari coinvolti nel test sul riso OGM. Fonte: China.org, China – Thomson Reuters, USA.
Tre funzionari del governo cinese sono stati licenziati per aver effettuato test con il riso OGM su bambini della provincia di Hunan; il “nuovo” riso è stato mischiato con quello naturale e somministrato per pranzo ai piccoli.
Il ministro della salute si è scusato con le famiglie ed ha aperto un’inchiesta a riguardo in cui si è scoperto che i genitori erano stati informati del test ma non del contenuto OGM del cibo somministrato.
La vicenda è venuta alla luce grazie a Greenpeace, che ha informato i media dell’esperimento tenuto in Cina col patrocinio del ministero dell’agricoltura statunitense.

07/12/2012
I territori liberi dagli OGM in Costa Rica guadagnano attenzioni scientifiche.
Fonte: Costa Rica Star, Costa Rica – Inside Costa Rica, Costa rica.
Il giornale della società etnologica americana ha focalizzato l’attenzione su alcuni territori che hanno bandito gli OGM in Costa Rica. Gli abitanti di questi territori vogliono infatti proteggere la loro sovranità e la biodiversità della natura locale.
In particolare, l’organizzazione locale Sol De Vida produce energia domestica da fonti rinnovabili come il solare e promuove colture naturali battendosi contro le multinazionali.
Tuttavia ci sono minacce alle porte: una marcia di protesta è ora in atto per impedire che la Monsanto, leader del settore OGM, installi le sue colture di granturco nel Paese.
La commissione per la bio-sicurezza sta ora valutando se concedere i permessi alla multinazionale.

11/12/2012
L’accordo commerciale statunitense potrebbe essere difficile da mandar giù per l’Europa.
Fonte: Thomson Reuters, USA.
Gli europei sopporterebbero l’importazione libera di prodotti OGM dagli Stati Uniti?
L’Europa è il maggiore partner commerciale degli USA ma l’idea dell’introduzione di OGM importati nel mercato agricolo europeo, di cui si parla negli ultimi tempi, sarebbe un eclatante errore.
L’Unione Europea teme le importazioni in particolare di prodotti trattati con diossido di cloro.
Gli americani si augurano che l’accordo per le importazioni sia presto trovato ma restano grandi perplessità sulle eventuali conseguenze.

 

12/12/2012
No ai brevetti sui semi.
Fonte: No patents on seeds, Munich, Germany.
Cari sostenitori,
ci dispiace dirvelo ma non abbiamo potuto fermare il Brevetto Unitario. Ma tuttavia la nostra attività è stata un parziale successo. Abbiamo dato un segnale molto chiaro al Parlamento Europeo riguardo al fatto che la società civile non accetta brevetti su piante ed animali: membri del Parlamento Europeo hanno ricevuto migliaia di e-mail da vari gruppi della società civile che mostrano quanto sia importante la questione. Continueremo a combattere per l’abolizione di brevetti su piante ed animali – il Brevetto Unitario è solo un aspetto di questa controversia. Quindi per favore continuate a fare pressione – insieme possiamo avanzare.

Se vi interessano le nostre informazioni, per piacere registratevi alla nostra newsletter.

http://www.no-patents-on-seeds.org/en/civicrm/mailing/subscribe?reset=1

Grazie per il vostro grande supporto,

per No patents on seed,

Christoph Then

17/12/2012
Bugie ai genitori dei bambini coinvolti nell’esperimento con il riso OGM in Cina.
Fonte: South China Morning Post, China – China Daily, China – Shangai Daily, China.
I genitori dei bambini coinvolti nell’esperimento cinese-americano sul riso OGM, non erano stati informati del fatto che il cibo somministrato ai figli fosse geneticamente modificato.
Essi hanno semplicemente firmato la delibera per l’utilizzo dei propri figli nello studio senza avere la più pallida idea dei risvolti pericolosi per la salute dei piccoli.
Le famiglie sono state rimborsate con 12800 dollari anche se il danno alla salute dei bambini, alcuni dei quali hanno avuto febbre e reazioni allergiche, non può essere cancellato.
Emerge quindi che la ricerca scientifica in Cina debba essere maggiormente controllata dalle autorità.

EQUIVITA, Comitato Scientifico Antivivisezionista
Via P. A. Micheli, 62        00197 Roma
Tel. +39.06.3220720, Cell. 335.8444949,  Fax +39.06.3225370
emailto: equivita@equivita.it
www.equivita.it; facebook: http://www.facebook.com/equivita.comitatoscientificoantivivisezionista
Per donazioni: c/c postale:88922000
IBAN: IT55 N076 0103 2000 0008 8922 000