Se vuoi sostenerci vai alla sezione
http://www.equivita.it/index.php/it/comesostenerci
<
http://www.equivita.it/index.php/it/comesostenerci> del nostro sito
Per continuare la nostra battaglia abbiamo bisogno di te
 ANCHE UNA PICCOLA DONAZIONE PUO’ FARE LA DIFFERENZA

 

 Newsletter biotecnologie e la loro diffusione nel mondo
Ottobre 2012

 

01/10/2012
Mucche OGM per la produzione di latte privo di proteine allergeniche
Fonte: The Guardian, UK – Thomson Reuters, USA – BBC, UK – The independent, UK – Radio New Zealand – GE Free New Zealand.
In Nuova Zelanda è stata creata una mucca OGM che produce latte antiallergico, utile ad alcuni bambini allergici alla proteina Beta-lattoglobulina (BLG) del latte nel primo anno di vita; ridurre il livello di BLG ha però raddoppiato la presenza della caseina.
Si stanno studiando le cause dell’impatto allergico della BLG e l’obiettivo è migliorare le tecniche di clonazione perché sembra che le attuali non siano efficienti.
Una delle mucche create infatti, è priva di coda, e questo porta grossi dubbi sui processi utilizzati, quali l’interferenza sull’RNA.
Secondo AgResearch, se i continui esperimenti avranno successo, ci vorranno comunque anni prima della commercializzazione del nuovo latte; la Nuova Zelanda sarebbe però socialmente danneggiata a livello internazionale, stando alle dichiarazioni del Partito Verde, in quanto perderebbe la sua immagine di paese sano.
GE free New Zealand concorda, sostenendo che questa ricerca è inutile e disumana, e va perciò interrotta.

03/10/2012
I vaccini OGM costituiscono ora una grande minaccia
Fonte: Deccan Chronicle, India
Gli esperti di bio-sicurezza avvertono che i vaccini OGM possono contenere virus dannosi per l’uomo.
Nel 2010 sono decedute quattro ragazze a cui era stato somministrato il vaccino contro il  Papilloma Virus: gli studiosi ritengono che la pericolosità di questi composti non sia adeguata per un utilizzo sulle persone.
Ulteriori ricerche sono quindi da svolgere al fine di una migliore conoscenza scientifica.

08/10/2012 
Corte di stato brasiliana ordina alla Monsanto di sospendere le royalties sui semi
Fonte: Thomson Reuters, USA.
Una corte di stato brasiliana ha imposto alla Monsanto di usare la riscossione delle royalties che riguardano il Roundup sui fagioli di soia e i semi di cotone.
Tutto ciò accade nello stato agricolo del Mato Grosso, dove viene rivendicata la scadenza dei brevetti  posseduti dalla multinazionale.

11/10/2012
Il settore del lino si riprende dalla giornata dei trifidi.
Fonte: Canadian Cattleman, Canada
L’industria Canadese dei semi di lino continua ad eliminare tracce dei trifidi OGM dalle coltivazioni.
I trifidi sono semi di lino modificati geneticamente, prodotti negli anni ’90 in Saskatchewan ma mai commercializzati; tuttavia sono state trovate tracce inalcune esportazioni in Europa.
Fortunatamente al momento la percentuale di trifidi rimasti è molto bassa.
Le ricerche proseguono e nuovi mercati si stanno aprendo con esportazioni in USA e Cina.

18/10/2012
Gli scienziati non sono d’accordo riguardo la sicurezza dei cibi OGM
Fonte: The Guardian, Nigeria – The Vanguard, Nigeria
Recentemente si è parlato molto dei vantaggi e dei benefici derivanti dagli OGM ma alcuni studi dimostrano che essi possono causare cancro, problemi nelle gravidanze e morti premature.
L’accademia delle scienze Nigeriana predica attenzione e moderazione nell’uso degli OGM.
Biotechnology Alliance USA afferma che gli OGM sono sicuri e hanno molteplici vantaggi ma uno studio Canadese su donne incinte ha dimostrato come i feti venivano da essi danneggiati.
La Monsanto, multinazionale nel campo degli OGM , produce il Roundup, un erbicida dagli effetti pericolosi per l’uomo e gli esseri viventi; molti sostengono gli effetti benefici senza calcolare i possibili danni causati dalla sete di ricchezza di queste imprese.
Anche se alcuni definiscono insensate queste paure, il Comitato Scientifico EQUIVITA, sottolinea come i cittadini abbiano il diritto di utilizzare prodotti naturali, innocui per la loro salute. Le multinazionali del biotech, al contrario, non possiedono alcun diritto né di avvelenarci né di disporre a proprio piacimento di beni comuni naturali, acquisendone la proprietà attraverso il brevetto.

22/10/2012
Brevetti per gli scimpanzè OGM
Fonte: Public Service Europe, Belgium – TestBiotech, Germany
Il recente rilascio di tre brevetti per scimpanzè OGM è stato definito perverso dalle associazioni animaliste.
Sotto accusa l’ufficio brevetti di Monaco, reo di non rispettare la dignità animale, e Intrexon, società di ricerca biologica statunitense.
Il mondo scientifico si chiede, ora, se sia corretto modificare i geni di questi primati e sfruttarli sperimentando medicinali su di loro.

Il Comitato Scientifico EQUIVITA ricorda, a tal proposito, l’aumento vertiginoso delle manipolazioni genetiche su animali utilizzati a fini sperimentali, una nuova fallace frontiera della sperimentazione animale.

29/10/2012
Campagna contro le coltivazioni transgeniche
Fonte: Latinamerican Press, Perù.
Gli ambientalisti chiedono al governo di proibire le coltivazioni di granturco OGM; la stessa Greenpeace ha lanciato una campagna a riguardo scrivendo al presidente peruviano Calderòn.
Sulla sponda messicana, il governo ha deciso di vietare il granturco OGM con una riforma sulla biosicurezza.
L’anno scorso Olivier De Schutter delle Nazioni Unite ha ricordato ai governi che il granturco OGM, come altri prodotti geneticamente modificati, riduce la biodiversità, caratteristica fondamentale dei prodotti naturali.
Prosegue quindi la battaglia contro le multinazionali come la Monsanto, incurante dei rischi  cui vengono sottoposte le persone che usufruiscono dei loro prodotti, e dei danni ambientali causati.