Percorso




Banner_no_viv

Banners



COME SOSTENERCI?
clicca qui

cingliale

Gogodigital Paypal Donation



AcyMailing Module


Iscriviti

    Iscriviti alle newsletter di           Equivita

Vienici a trovare su Facebook


Facebook Image

Seguici su Twitter


Twitter Image


Comunicato 13/03/09
Per una MODERNA RICERCA a tutela della salute

In questi ultimi giorni è partita una lettera firmata da svariate Associazioni europee, e per la precisione

Comitato Scientifico EQUIVITA,
Antidote Europe,
Safer Mecines Campaign,
Animalisti Italiani,
Movimento Ecologico Nazionale UNA,
indirizzata a tutti i Parlamentari Europei facenti parte delle Commissioni coinvolte nel voto sulla Revisione della Direttiva 86/609 “Per la protezione degli animali usati a fini scientifici”.
Le associazioni hanno voluto mettere in evidenza il punto di vista della stragrande maggioranza dei cittadini europei, contrari ad una “Revisione” - come quella oggi in discussione presentata dalla Commissione – che con solo alcuni ritocchi alla legge dell’86, rilancia e cristallizza un pensiero scientifico da tempo superato per grande parte del mondo della scienza. E’ il pensiero che vede nella sperimentazione animale un metodo di ricerca medica e tossicologica affidabile e spesso necessario, malgrado le mille testimonianze contrarie. Le associazioni hanno voluto evidenziare, come con tale “Revisione” si ritardi il progresso scientifico dell’Europa e si penalizzi fortemente la salute dei suoi cittadini.


  • Il Rapporto “Tossicologia del XXI secolo” (giugno ’07) del Consiglio Nazionale delle Ricerche statunitense (subito recepito negli USA con un Protocollo d’Intesa siglato dalle maggiori agenzie di controllo, ovvero EPA, NIEHS, e NHGR, per un programma quinquennale di tossicologia cellulare) dichiara: “La tossicologia si sta avvicinando ad un evento epocale, di quelli che hanno dato un nuovo corso alla storia della scienza, come la scoperta della penicillina, quella del DNA, la nascita del primo computer …. Le prove di tossicologia saranno trasferite da un sistema basato sullo studio dell’animale intero ad un sistema basato principalmente sui metodi in vitro, questi essendo in grado di valutare i cambiamenti nei processi biologici con l’osservazione di cellule, preferibilmente di origine umana”.
  • Come dice l’editoriale di Nature (10/11/05)  “Gli scienziati dell’ECVAM (Centro Europeo per la Validazione dei Metodi Alternativi) sostengono che i test su animali sono altamente inaffidabili e che i metodi moderni miglioreranno le valutazioni di tossicità, e che, ai fini della salute, è d’obbligo mettere in evidenza la maggior produttività dei nuovi metodi (…) preoccupano i dati oggi disponibili sulla performance dei modelli animali, parametro per ogni altro test”.

Le associazioni hanno spiegato ai Parlamentari che una REVISIONE effettiva dei metodi usati per le valutazioni di tossicità delle sostanze chimiche immesse nell’ambiente, prevista dal Programma REACH, è realmente indispensabile e molto facile da realizzare grazie agli enormi progressi realizzati in campo scientifico, in particolare sul fronte della genetica, della biologia molecolare e della chimica (tossicogenomica, proteomica, epigenetica ecc …).

L’Unione Europea
, che con il regolamento sui pesticidi emanato lo scorso 13 gennaio ha messo ancor più l’accento sui gravi pericoli causati alla nostra salute da una cattiva valutazione delle sostanze tossiche, non può esimersi dal mettere in atto un reale aggiornamento e dall’applicare metodi di valutazione di tossicità che possano fronteggiare le necessità del momento attuale, (irrisolvibili - aldilà dell’inaffidabilità delle risposte - con i costi e i tempi del modello animale, con il quale i risultati si otterrebbero in decine di anni) escludendo la sperimentazione animale. Questo tenendo conto soprattutto dell’aumento impressionante di tumori nei bambini e delle malattie neurodegenerative, delle malformazioni, della sterilità, ecc ... (l’Espresso “SOS bambini, diossina e tumori” 18/12/08).

Le associazioni hanno richiesto una nuova Direttiva “Per il rinnovamento della Ricerca medica e tossicologica” che tracci il percorso da seguire per mettere in pratica, senza ulteriori indugi, il nuovo paradigma scientifico, tagliando i molti legami fatti di inerzia culturale e di interessi che ancora ci legano a quello vecchio per affrontare così uno degli aspetti non secondari del cambiamento che a livello globale si deve operare per lasciare un mondo vivibile alla nostra discendenza.

Comitato Scientifico EQUIVITA
Tel. + 39.06.3220720, + 39.335.8444949 -
E-mail: equivita@equivita.it
www.equivita.org <http://www.equivita.org>



Powered by Joomla! 1.6 - Webmaster: Roberto Trozzo