Comunicato 03/06/10
FERMIAMO LA VIVISEZIONE A FINI DIDATTICI A MILANO


Cari amici,
il link http://www.aimsacademy.org/courses.php
vi consente di visionare il programma della “Conferenza internazionale sulla chirurgia laparoscopica avanzata per le malattie gastro-esofagee” (Milano, 3-4 giugno 2010), recante come sottotitolo “Chirurgia dal vivo - Sessione pratica su animali vivi”.

La circolare n°17 del 5/5/1993 n. 600.8/Leg./24433/AG 3412 emanata dal Ministero della Salute in deroga agli articoli 3 e 4 del decreto legislativo 116/1992 (attuazione della direttiva n. 86/609 in materia di protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali o ad altri fini scientifici) chiarisce che:
“gli esperimenti a scopo didattico sono anch’essi ammessi in via eccezionale, in via preventiva ed in sede di programma di progetto didattico quando siano insieme presenti due condizioni: l’inderogabile necessità e l’impossibilità di ricorrere ad altri sistemi dimostrativi”.

Nel caso della suddetta conferenza i sistemi sostitutivi di sperimentazione sono disponibili e frequentemente adottati dalla comunità scientifica internazionale quindi neppure un eventuale permesso in deroga rilasciato dal Ministero della Salute rende lecita la sperimentazione in vivo.

Il Comitato Scientifico EQUIVITA ha già espresso il proprio dissenso scrivendo alla Regione Lombardia, alla direzione dell’Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano e all’AIMS Academy che organizza la conferenza.

Sarebbe di grande aiuto se altre e-mail potessero giungere alle stesse strutture per contestare una simile inaccettabile inosservanza della legge.

Trattandosi di una conferenza già iniziata oggi e che si prolungherà per tutta la giornata di domani questo nostro appello è rivolto soltanto a chi avesse modo di inoltrare immediatamente il messaggio che qui di seguito riportiamo.


DESTINATARI dell’e-mail

Roberto_Formigoni@regione.lombardia.it
Luciano_Bresciani@regione.lombardia.it
,
direttoresanitario@ospedaleniguarda.it
segreteria@aimsacademy.org

OGGETTO dell’e-mail: No alla vivisezione a fini didattici

TESTO dell’e-mail (fare copia e incolla)

Presidente della Regione Lombardia
Assessore alla Sanità Regione Lombardia
Direzione Sanitaria Ospedale Niguarda Ca’ Granda
AIMS Academy

In merito alla “Conferenza internazionale sulla chirurgia laparoscopica avanzata per le malattie gastro-esofagee” prevista per il 3-4 giugno 2010 presso l'Ospedale Niguarda Ca’ Grande di Milano, all’interno della quale si terrà una “Sessione pratica di chirurgia su animali” (vedi programma http://www.aimsacademy.org/courses.php),

faccio notare che:

1. La circolare n°17 del 5/5/1993 n. 600.8/Leg./24433/AG 3412 emanata dal Ministero della Salute in deroga agli articoli 3 e 4 del decreto legislativo 116/1992 (attuazione della direttiva n. 86/609 in materia di protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali o ad altri fini scientifici) chiarisce che:

“gli esperimenti a scopo didattico sono anch’essi ammessi in via eccezionale, in via preventiva ed in sede di programma di progetto didattico quando siano insieme presenti due condizioni: l’inderogabile necessità e l’impossibilità di ricorrere ad altri sistemi dimostrativi”.

2. Sono disponibili e frequentemente adottati dalla comunità scientifica internazionale sistemi sostitutivi di sperimentazione, quindi neppure un eventuale permesso in deroga rilasciato del Ministero della Salute rende lecita la sperimentazione in vivo.

Ritengo sia inaccettabile che anche le poche regole che normano la sperimentazione animale siano disattese in modo così grossolano.

Chiedo che si intervenga con urgenza affinché tale sperimentazione didattica su animali non abbia luogo e si utilizzino invece i metodi alternativi esistenti (oppure si annulli la sessione pratica).

In fede,

Nome e cognome


Comitato Scientifico EQUIVITA
Tel. + 39. 06.3220720, + 39. 335.8444949
E-mail: equivita@equivita.it
Sito internet: www.equivita.org