Logo Equivita
 
Sperimentazione animale Chi siamo

Attività

Campagne Pubblicazioni
 

SPERIMENTAZIONE ANIMALE

Per approfondire | Lettere ai giornali | Metodi alternativi| Didattica| Archivio newsletter | Atti normativi

 

 

8/10/07

USA: l’inchiesta sul riso contaminato lascia la Bayer a piede libero

Fonte: Friends of the Earth Europe

Le autorità statunitensi non sono riuscite a stabilire quali siano state le ragioni del grave episodio di contaminazione della catena alimentare causato da riso gm non autorizzato nell’agosto del 2006.

Bayer Crop Science, l’azienda che possiede il riso gm, non sarà soggetta ad alcun tipo di azione legale da parte del Governo statunitense.

Friends of the Earth si rivolge ai Governi nazionali e alla Commissione europea affinché esigano dagli Stati Uniti l’impegno a mettere in atto più rigorosi controlli di sicurezza per evitare future contaminazioni.

L’Agenzia APHIS (Animal and Plant Health Inspection Service - Servizio di ispezione per la salute animale e vegetal del Dipartimento per l’Agricoltura statunitense ha pubblicato venerdì 5 ottobre i risultati dell’inchiesta aperta nell’agosto del 2006 a seguito del rinvenimento di riso gm illegale nelle forniture di riso. All’epoca, la varietà di riso incriminata (LLRICE601) non era stata approvata in nessuno stato ma era stata sperimentata su campo negli Stati Uniti tra il 1998 e il 2001.

Il riso contaminato è stato esportato in tutto il mondo ed è stato rinvenuto in tutti i supermercati della Gran Bretagna. In Europa sono state adottate misure di emergenza per limitare l’entità della contaminazione e rimuovere i prodotti contaminati dal mercato.

L’inchiesta non è riuscita a stabilire in che modo l’LLRICE601 e un’altra varietà coinvolta nella contaminazione (LLRICE604) siano penetrate nella catena alimentare.

Il fallimento dell’indagine si deve al fatto che, come spiega il rapporto, documenti di vitale importanza “non sono stati conservati e non erano disponibili”. Tra questi, cartine che identificavano i luoghi delle sperimentazioni su campo e documenti che provano il rispetto delle procedure obbligatorie per il contenimento delle sperimentazioni (ad esempio la pulizia dell’attrezzatura e le date in cui ha avuto luogo la semina).

Gli inquirenti sono stati costretti così a intervistare singole persone nel tentativo di capire cosa sia successo. A causa della mancanza di prove, la Bayer, che ha definito frutto di “volontà divina” l’avvenuta contaminazione, non è passibile di azioni legali.

Centinaia di produttori di riso duramente danneggiati sul piano finanziario, saranno costretti a riporre le proprie speranza nelle azioni legali private intentate contro il colosso del gm, consapevoli che ciò potrebbe richiedere molti anni.

Il Dipartimento per l’Agricoltura è riluttante a riconoscere i propri fallimenti e ha ammesso che in futuro possono verificarsi altri casi di contaminazione. Esso, tuttavia, ha tratto alcuni insegnamenti dall’esperienza e identificato alcune aree di interevento nelle sperimentazioni su campo. Alcune riguardano la  conservazione dei documenti contenenti informazioni utili, l’aumento della distanza tra campi sperimentali gm e colture convenzionali e la possibilità di richiedere ai detentori delle autorizzazioni di produrre su richiesta le procedure di sperimentazione affinché sia possibile identificare le varietà gm non autorizzate in caso di contaminazione.

Friends of the Earth Europe si rivolge ai Governi nazionali e alla Commissione europea affinché inducano gli Stati Uniti a rendere più stringenti i controlli sui campi sperimentali di Ogm. Tra le misure raccomandate:

 

  • Qualsiasi paese esporti sementi o colture da utilizzare come alimenti e mangimi in Europa è tenuto a fornire un elenco completo delle colture gm coltivate a fini sperimentali o commerciali nel proprio paese
  • Per ognuna delle colture modificate devono essere fornito materiale relativo all’autorizzazione della sperimentazione in modo che gli stati possano prendere le misure necessarie a evitare l’ingresso di Ogm non autorizzati nell’Unione europea
  • Un esame dei controlli europei (sostenuto dalla FSA (Food Safety Authotity?) per assicurarsi che le colture gm non autorizzate non siano immesse sul mercato. Ciò dovrebbe condurre all’impianto di un nuovo sistema preventivo per l’identificazione delle colture e dei paesi a rischio e il regolare monitoraggio dei porti dell’UE ove si verifica l’ingresso di Ogm non autorizzati o non correttamente etichettati.

 

 

 

 

 
Raccolta fondi
Sostieni la nostra attività con una donazione. Qualsiasi aiuto, anche il più piccolo, può fare la differenza!
Invia il tuo contributo
Newsletter
Clicca qui per iscriverti
e ricevere direttamente nella tua mail le notizie sulla Sperimentazione Animale e sulle Manipolazioni genetiche, provenienti da tutto il mondo.
Per aderire
Clicca qui
se sei un laureato in Scienze Biomediche e vuoi far parte del nostro Comitato Scientifico.
Offerta straordinaria

Offerta straordinariaCon un contributo di almeno 50 euro, in omaggio una stampa a tiratura limitata di
FULCO PRATESI.

Notiziari

Se siete interessati alla attività svolta da EQUIVITA durante l'anno,
leggete i nostri Notiziari

  Sito ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiori - Risoluzione 800 x 600 - Hosting by www.itaweb.it Designed by Studio Graffiti